Dare forma alle idee

7.07.2014
|
itt

Abbiamo incontrato l’Architetto Tobia Marcotti, di Itistudio,  che ci accoglie nel suo studio di via Schiapparelli, introducendoci al suo team.
La conversazione verte subito sul tema di come dare forma alle idee.
Sul tavolo di Tobia studiamo insieme il modello di una pensilina (nella foto), concepita secondo i dettami dell’architettura parametrica e messa in opera di fatto da un ingegnere che, spezzata dopo spezzata, ne ha scritto la formula matematica. In questo tipo di progettazione la maquette diventa un passaggio obbligato per progetti di qualità. La piattaforma BIM, usata dal Itistudio dal 2006, rappresenta la base ideale, grazie al lavoro su un modello 3D digitale che contiene tutte le lavorazioni, fase per fase.
Roberto Mangiavacchi concorda sulla bontà di questa tecnologia, anche se, in un recente cantiere, nonostante il BIM, è stato necessario apportate forature e modifiche per far passare impianti, non previsti in progetto. “Il mio sogno – continua Mangiavacchi – è un cantiere a secco, dove le componenti edilizie vengono solo assemblate. Un cantiere pulito, asciutto e dove il margine di errore umano è notevolmente ridotto.”

Al termine dell’incontro gli occhi cadono su un misterioso box insonorizzato, all’interno del quale è al lavoro una stampante 3D. Tobia Marcotti ci spiega come funziona, i costi e l’utilizzo, già in fase d progettazione, per capire meglio l’armonia dei volumi. “Quando cominci a progettare pensando in 3D, non torni più indietro e queste stampanti diventano di fatto la tua matita. Io ci credo moltissimo, tanto che ho investito in un progetto sinergico all’attività di progettazione di Itistudio 3D CRAFT un service di stampa 3D, capace di sviluppare tutto il processo di fabbricazione: dalla realizzazione dei modelli virtuali attraverso la scansione 3D e processi di modellazione e reverse engineering, alla produzione con stampanti 3D professionali, frese CNC, taglio laser….
L’idea e lo sviluppo nascono dall’incontro con imprenditori del settore con i quali abbiamo iniziato un progetto ambizioso che pone al centro la sinergia imprenditoriale”

Questo post è disponibile anche in: Inglese

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>